Prodotti autentici e sicuri: l'Europa scende in campo - Milano, 14 febbraio 2012

Prodotti autentici e sicuri: l'Europa scende in campo - Milano, 14 febbraio 2012

 

Milano, 14 febbraio 2013 – ore 14,30

Sala Leonardo – Palazzo delle Stelline

Corso Magenta, 61

 

 

La Commissione europea adotterà nei prossimi giorni una serie di iniziative legislative che puntano a migliorare l'efficacia dei controlli sul mercato e la sicurezza dei prodotti.

Queste iniziative verranno presentate dal Vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, che discuterà di sicurezza e contraffazione assieme a Amalia Sartori, Presidente della Commissione per l'Industria, la Ricerca e l'Energia del Parlamento europeo e Patrizia Toia, Vicepresidente della Commissione per l'Industria, la Ricerca e l'Energia del Parlamento europeo e ai rappresentanti delle istituzioni e del mondo economico.

Il dibattito affronterà i temi della sorveglianza di mercato e sicurezza dei prodotti, che svolgono un ruolo chiave per le imprese e i consumatori europei. Verrà anche discusso il tema della tracciabilità, elemento fondamentale per individuare ed eliminare rapidamente i beni pericolosi. In gioco non c'è solo la salute umana ma anche la competitività delle imprese sane, danneggiate da prodotti che sono a basso costo solo perché non sono fabbricati nel rispetto delle regole.

 

 

La lotta alla contraffazione e la protezione della proprietà intellettuale sono fondamentali per l'economia dell'Unione europea e rappresentano un fattore chiave per la ricerca, l'innovazione e l'occupazione. In gioco vi è anche la sicurezza dei consumatori europei messa a repentaglio da alcuni prodotti contraffatti (alimentari, giocattoli, articoli per l'igiene, abbigliamento) che, se non in linea con gli standard Ue, possono rappresentare un grave rischio. Le autorità nazionali svolgono un ruolo essenziale per impedire l’entrata nell’UE di beni contraffatti. La Commissione europea le sta affiancando con una serie di azioni per rafforzare la loro capacità di contrastare tale traffico.

Secondo dati recenti, a livello mondiale sono già in circolazione beni contraffatti per 600 miliardi di dollari. E si stima che questo dato raddoppierà nel 2015. I settori più colpiti sono quelli di farmaci, alimenti, bevande, componentistica auto, cosmetici, articoli di moda, musica, giocattoli. In Europa il problema è divenuto sistemico e costituisce uno dei principali handicap alla crescita e all'occupazione. Il mercato interno europeo continua a essere vulnerabile al fenomeno della contraffazione. I falsari approfittano di sistemi di tutela diversi, non armonizzate tra un Paese e l'altro dell'Ue, e non sempre egualmente efficaci. Secondo i dati 2011 delle dogane Ue, il fenomeno è in aumento con un più 15% dei casi di contraffazione, un incremento dell'11% delle confische e del 14% del valore al dettaglio degli articoli contraffatti.